Enrica, social media manager. Non avete capito?leggete.

foto di Paolo Saglia

E’ andata così, mi ha contatto Enrica mesi e mesi fa per chiedermi di raccontare le mie avventure dell’orto sul balcone, poi ci siamo incontrate ad una cena, poi grazie ai social, che sono meglio di una portineria, abbiamo cominciato a “seguirci” a vicenda.

Così  ho scoperto che dietro quella bella faccia ci sono un mondo di idee, bei vestiti (non c’entra molto ma volevo dirlo), viaggi in Danimarca, timbri e mille e mille cose social.

Enrica è una di loro, di quelli che fanno quei lavori tipo social media qualcosa che quando me lo dicono faccio finta di capire, ma poi non capisco.

Enrica si racconta tra commercialista e social media, e tra un colore e l’altro sta disegnando la sua straordinaria precarietà, che non le dispiace neanche un pò.

foto di Paolo Saglia

foto di Paolo Saglia

Enrica, chi sei e come ti guadagni la pagnotta?

Sono una ventinovenne irrequieta, ho un gatto, un fidanzato, dei blog e una valigetta in cui tengo molti colori. Per lavoro sono una social media manager freelance.

Social media manager?

Vuol dire: ho una partita iva, un commercialista e alcuni adorabili clienti a cui insegno come stare su Facebook, Twitter & co. in modo sensato, amichevole, utile, e anche facile.

Quando stai sull’internet cosa leggi? Cosa per lavoro, cosa per diletto?

Le mie letture preferite sono i blog che ti raccontano i social media per quello che sono: posti dove le persone si mettono in contatto (la tecnologia non conta, al centro ci sono e persone e i loro comportamenti). Non posso dividerle tra lavoro e diletto, perché mio caso coincidono – il che vuol dire che sto sempre a lavorare (ma quando è troppo tiro fuori la valigetta con i colori).

Tre nomi su tutti: Seth Godin (sethgodin.typepad.com), Euan Semple (euansemple.com/theobvious), Naomi Dunford (ittybiz.com). Seguiteli!

foto di Paolo Saglia

foto di Paolo Saglia

Noi non ci crediamo, ma ci vuoi regalare consigli in pillole sull’uso dei social? Qualcosa tipo non mettersi le dita nel naso mentre aggiorno il mio stato su Facebook.

L’unica cosa che mi sento di consigliare è: non fare mai niente che non vorresti far sapere a tutto il mondo in diretta. È vero che i post che scrivi quando sei ubriaco si possono cancellare, ma qualcuno nel frattempo li ha letti, magari li ha salvati, e da qualche parte esisteranno sempre. Meglio di un diamante.

In cosa ti senti straordinariamente precaria?

Mi sento precaria da un punto di vista geografico. Oggi sono qui, domani non lo so. Ma non è un sentimento angosciante, anzi: mi sento “cittadina del mondo”, casa è ovunque io abbia qualcosa da imparare, ovunque io possa crescere e migliorare.

push up

push up

Push up è la tua nuova proposta, cos’è, per chi è, perché?

È il corso di social media marketing per blog che vogliono mettersi in mostra. Serve a chi ha un blog e usa i social, ma sente la mancanza di un metodo, una strategia. Push Up ti aiuta a raggiungere nuovi lettori (ma solo quelli giusti per te) e, una volta che sono arrivati, a tenerteli stretti. Sono molto fiera di questa mia piccola creatura, ci ho lavorato tanto e ora mi piacerebbe vederla crescere.

Le tue coordinate sono (dove ti troviamo):

Una su tutte: Twitter, dove mi chiamo @jembenton (come Jem e le Holograms) e rispondo più in fretta che al telefono.

About Anna Buganè

28 anni, nata e cresciuta ad Alba. Ho frequentato la scuola alberghiera, ho iniziato a lavorare da Ggiovane, ho risposto a molti telefoni, consegnato chiavi in alberghi, portato tanti piatti ai tavoli, lavato e asciugato migliaia di bicchieri, cominciato (per il momento accantonato) l’università, venduto di tutto: calze, mutande, borse, viaggi, voli, vacanze. Ho cucinato nelle case dove sono vissuta o passata, nella cucina dove ho lavorato.
Tutta questa cucina l’ho messa in un blog: cucinaprecaria.it

Comments

  1. scorrevole, interessante e simpatica, come tutte le interviste dovrebbero essere :)

  2. Molto interessante, così ho capito meglio anche io :-)

  3. Quando la capisco, Enrica. Anch’io faccio il social media manager, uno di quei lavori impossibili da spiegare ai genitori. Mia mamma si fida: “Ah, ok, Feisbuc. Va bè, sei contento? Vuoi ancora un po’ di spezzatini?”.

    • che ridere fabrizio: Vuoi ancora spezzatini?
      la tenerezza di chi non comprende ma ti appoggia comunque, è questo l’importante no?
      cmq fate anche dei lavori con dei nomi difficili, io faccio fatica a starvi dietro!

    • Antonella says:

      “Ah, ok, Feisbuc. Va bè, sei contento? Vuoi ancora un po’ di spezzatini?”
      Oddio che ridere e che tenerezza!!! Ihihihi

  4. Antonella says:

    Bella questa intervista!

Lascia un Commento

*

Pin It on Pinterest

Shares
Share This