Polpette di sardine al forno con crema di piselli

Polpette di sardine al forno con crema di piselli

Polpette di sardine al forno con crema di piselli

Senza giri di parole inutili voglio confessarvi che le polpette di sardine al forno con crema di piselli sono una droga e nel loro piccolo sono anche molto economiche.  Ideali per un aperitivo, un finger food, una merenda alternativa :-)

Come al solito ho preparato le polpette osservando a lungo il mio frigo e il mixer, il resto è venuto da solo. Provatele e fatemi sapere se siete riusciti a smettere di mangiarle!

Mi chiedo se nella compilazione di un curriculum o di un business plan si possa inserire tra i propri talenti e forse tra le proprie aspirazioni la voce: “polpettara = posso tramutare ogni pietanza in una pallina rotonda, gustosa e leggera, perchè io non friggo”

Sono tempi strani, Martino cresce nella pancia e insieme alle paure aumenta anche il coraggio, la voglia di vita, il desiderio di creare un mondo a mia misura, l’esigenza sempre più impellente di focalizzare le mie aspirazioni e fare in modo che diventino reali, fonte di gioia e di sostentamento.

Il mio compagno di merende un giorno mi ha guardato e mi ha detto: “Profumi di vita”.

E io persa come sempre a guardare la mia ritenzione idrica e le tette giganti non ho capito subito.

Adesso ho capito, ma ancora mi sfugge come fare.

Mi spiegate da che parte incominciare per fare quello che vi piace? Ma soprattutto come si pianificano le mosse da fare?

[box align=right size=small color=blue]

Ingredienti

  • 10 sardine
  • 2 filetti di aringa
  • 5 pomodorini secchi
  • 1 pezzetto di tonno
  • prezzemolo
  • pangrattato
  • 200 gr di piselli freschi
  • 1 cipolla
  • 1 patata medio grande
  • brodo vegetale qb
  • qualche foglia di basilico

[/box]

Procedimento

Per la crema di piselli

Sgranate i piselli freschi, sciacquateli sotto l’acqua. Sbucciate e lavate la patata e tagliatela in piccoli pezzetti.

Scaldate un cucchiaio di olio in una padella e fate appassire la cipolla tagliata finemente, aggiungete poi i piselli e la patata, coprite di brodo (la quantità dovrà essere necessaria a coprire il volume delle verdure, non di più). Portate a cottura tutte le verdure per circa 20-25 minuti, quando sono morbide frullatele e aggiungete alla crema di piselli qualche foglia di basilico.

Per le polpette

Fatevi pulire le sardine dal pescivendolo :-)

Anche se le sardine sono state pulite dal pescivendolo assicuratevi che non ci sia sangue in eccesso, togliete la testa e controllate le lische.

In un mixer tritate le sardine con i filetti di alici, i pomodorini secchi, il pezzetto di tonno e qualche foglia di prezzemolo. Il composto ottenuto dovrà risultare compatto e umido.

Formate delle piccole polpettine e passatele nel pangrattato.

Scaldate il forno a 180°, disponete le polpettine su una teglia da forno ricoperta dalla carta da forno e infornate per circa 15 minuti. Controllate la cottura di tanto in tanto.

Servite le polpette con la crema di piselli tiepida.

Imparando si sbaglia

La crema di piselli è buonissima anche da sola.

Per mantenere un colore verde vivo non fate stra-cuocere i piselli.

Ovviamente la crema si può preparare anche con i piselli surgelati, ma adesso che sono freschi ne approfitterei :-)

Non salate le polpette! Sono già molto saporite così.

 

About Anna Buganè

28 anni, nata e cresciuta ad Alba. Ho frequentato la scuola alberghiera, ho iniziato a lavorare da Ggiovane, ho risposto a molti telefoni, consegnato chiavi in alberghi, portato tanti piatti ai tavoli, lavato e asciugato migliaia di bicchieri, cominciato (per il momento accantonato) l’università, venduto di tutto: calze, mutande, borse, viaggi, voli, vacanze. Ho cucinato nelle case dove sono vissuta o passata, nella cucina dove ho lavorato.
Tutta questa cucina l'ho messa in un blog: cucinaprecaria.it

Comments

  1. Hai già cominciato cara, non te ne sei accorta? :-)
    Un abbraccio enorme a te e a Martino (non vedo l’ora di conoscerlo).
    Cinzia

  2. Profumi di vita!
    Che bella descrizione.
    Non posso esserti di aiuto sul capire come cominciare a fare quello che piace, a parte la polpettara.
    Sono nella stessa fase esistenziale anche se senza profumo di vita. Al più possiamo confrontarci a distanza.
    PS Io polpettara lo scriverei nel CV, fa capire le tue priorità :)

    • Anna Buganè says:

      Cara Rossella,
      teniamoci la mano a distanza e proseguiamo dritte…da qualche meravigliosa parte finiremo!

Lascia un Commento

*

Pin It on Pinterest

Shares
Share This